Nel corso dell’anno 2011 abbiamo affidato al Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale dell’Università degli Studi di Bari un progetto di ricerca della durata di un anno (coordinato dal Prof. Giuseppe Gambacorta) mirato all’ottimizzazione del processo di produzione dell’olio extravergine di oliva e del controllo della sua qualità.
Il principale obiettivo del progetto è stato quello di indirizzare il processo produttivo verso la produzione di oli extravergine di oliva – monovarietali e blend – di alta qualità, attestati dalla verifica delle caratteristiche chimiche, fisiche e sensoriali.

unibaUn altro obiettivo è stato quello di produrre e proporre sul mercato oli monovarietali (coratina e peranzana) con una propria specifica caratterizzazione per quanto riguarda il fruttato, l’amaro e il piccante, selezionando olive integre e al giusto grado di maturazione; allo stesso tempo, attraverso un attento blend (miscelazione) degli oli monovarietali, produrre un olio evo equilibrato dal punto di vista chimico e sensoriale e ‘personalizzato’, ovvero attento alle esigenze del consumatore.

Questi i risultati ritenuti più interessanti e utili per i consumatori e per una scelta consapevole fra le tipologie di oli extravergini prodotti:

Relazione preliminare Villa Uva
Seconda relazione Villa Uva
Terza relazione Villa Uva
Quarta relazione Villa Uva